Le contraddizioni dell’11/9. Quando è che Cheney entrò nel bunker sotterraneo?

di David Ray Griffin –Global Research, 24 aprile 2008«The Canadian» Articolo originale: 9/11 Contraddictions. When Did Cheney Enter The Underground Bunker? Traduzione di Pino Cabras. Riguardo alla mattina dell’11/9, tutti concordano che a un certo punto dopo le 9,03 (quando la Torre Sud del World Trade Center fu colpita) e prima delle ore 10,00, il Vicepresidente Dick Cheney scese al PEOC (Presidential Emergency Operations Center, il centro operativo presidenziale d’emergenza, N.d.T.), talvolta definito semplicemente il “bunker”, sotto l’ala est della Casa Bianca.Tutti concordano inoltre che, una volta lì, Cheney assunse l’incarico, sia che fosse quello di prendere le decisioni sia…

Leggi Tutto

Dietro gli esperti militari in tv, il Pentagono muove i fili

Versione italiana di un articolo di David Barstow comparso su «The New York Times» il 20 aprile 2008: Behind TV Analysts, Pentagon’s Hidden Hand. Traduzione di Pino Cabras Fonte: The New York Times Nell’estate del 2005 l’amministrazione Bush doveva far fronte a una nuova ondata di critiche su Guantanamo: il centro di detenzione era stato appena definito da Amnesty International come “il gulag dei nostri tempi”, c’erano nuove accuse da parte degli esperti di diritti umani dell’Onu su degli abusi, mentre si estendevano gli appelli per farlo chiudere. Gli esperti di comunicazione dell’Amministrazione risposero prontamente: un venerdì mattina presto caricarono…

Leggi Tutto

Presentazione del libro a Sinnai

Sabato 26 aprile 2008 alle ore 18.00presso la Pinacoteca Comunale, Via Colletta, 20 – Sinnai (CA) Paolo Zedda e Gianni Marilotti intervistano l’autore Letture di Elio Turno Arthemalleed esperimenti comico-chimici Organizzano le associazioni Su Bentu Estu e MediaMundi

Canale Zero in Sardegna

Dopo i risultati elettorali, è più che mai importante cercare di costruire un sistema televisivo pluralistico.Il progetto “Canale Zero”, lanciato a marzo da Giulietto Chiesa e altri, va in questa direzione.Sul sito www.megachip.info potete trovare informazioni aggiornate sull’avanzamento dell’iniziativa. Adesso è giunto il momento di organizzare su base locale delle riunioni operative al fine di costituire dei gruppi territoriali per promuovere il progetto.La riunione organizzata dai referenti Megachip in Sardegna è prevista per il giorno 23 Aprile 2008 alle 19.30 nella sede dell’Associazione Don Chisciotte in Via San Giacomo 117, Cagliari. È previsto il seguente ordine del giorno: – Informativa…

Leggi Tutto

I campi di concentramento FEMA negli Stati Uniti

di Pino Cabras Riporto la versione in lingua italiana di un interessante articolo apparso su Geopolitical Monitor il 20 settembre 2007 con il titolo US FEMA Camps. La versione italiana è stata pubblicata l’8 aprile 2008 su comedonchisciotte (traduz. di ALCENERO).L’articolo è molto interessante perché illustra bene alcune funzioni di un’agenzia – la FEMA – sempre più importante nella cornice dello ‘stato d’eccezione’ che sta rimodellando la costituzione materiale degli Stati Uniti, un sistema di alimentazione delle emergenze che fa la gioia dei tanti seguaci neocon di Carl Schmitt ben addentro ai gangli vitali del potere. Fu infatti Carl Schmitt,…

Leggi Tutto

La recensione/ Tra Orwell e la strage delle Torri gemelle, Nonno Bush e le follie dei guerrafondai

Di seguito potete leggere alcuni stralci tratti dalla recensione del mio libro scritta da Paolo Maccioni sul numero di marzo 2008 del mensile Sardinews . Prescott Sheldon Bush [Fonte: USGov] L’ultimo contributo all’intenso dibattito planetario sugli eventi dell’11 settembre arriva dalla Sardegna. È sardo l’autore del volume Pino Cabras, funzionario di una banca d’affari, ed è sarda la giovane ed ambiziosa casa editrice Aìsara. Il clima del libro, o forse del mondo, è introdotto da un’epigrafe tratta dal celebre “1984” di George Orwell, che suona come una profezia: “Non importa che la guerra stia davvero avvenendo, e, poiché nessuna vittoria…

Leggi Tutto

Canale Zero – un primo report

Riporto il primo resoconto apparso su MegaChip sulle adesioni al progetto volto a costruire un nuovo format TV in Italia. Fonte: www.tvhistory.tv A distanza di 3 settimane dal lancio dell’appello per un’informazione libera, abbiamo i primi risultati della campagna di raccolta delle adesioni. Pubblichiamo i seguenti documenti: Primo report del Progetto Canale ZeroPrimi dati regionali delle adesioniFaq – le domande più frequenti (con risposta)Modulo per raccogliere le adesioni durante gli eventi localiL’appello per una informazione libera Potete continuare ad aderire scrivendo a: organizzazionemegachip AT gmail PUNTO com

Conversioni e scontro di civiltà

di Pino Cabras Magdi Allam è un intellettuale organico agli apparati che fomentano uno scontro di civiltà (l’elemento che fa da base culturale per le presenti e le prossime guerre).Le teorie su questo scontro si irradiano a partire dai think tank neoconservatori.Il loro rovello è che le nazioni occidentali potrebbero perdere il loro predominio sul mondo, se non saranno in grado di delimitare una natura inconciliabile per le tensioni culturali, soprattutto quella fra Cristianesimo e Islam. Ecco perché per la battaglia di Allam era necessario che egli si facesse cristiano, anzi: Cristiano. Cambiare nome e cambiare identità, convertirsi, corazzarsi, sotto…

Leggi Tutto

Il Gruppo Carlyle assume Sarkozy

di Pino Cabras Il Carlyle Group è uno dei principali azionisti di molti fornitori delle forze armate, americane e non solo. Altro campo di grande interesse: i media. Nella Carlyle gli interessi delle forze armate più potenti del mondo e delle industrie a produzione militare si intessono con le convenienze della politica e dell’alta finanza.La famiglia bin Lāden investì nel Carlyle Group circa 1,3 miliardi di dollari e anche la famiglia Bush ha avuto partecipazioni di primo piano. Per anni guidato dall’ex segretario USA alla Difesa Frank Carlucci, il fondo ha ricompreso nel tempo – oltre a George Bush padre…

Leggi Tutto